Progetti

Associazione DALIT di Khulna

Associazione DALIT di Khulna

Incontro a Sondrio con Lino Swapon Das

Come l’educazione cambia la vita

Peccato che all'incontro con Lino Das organizzato dalla Bottega della Solidarietà a Sondrio mercoledì 16 novembre 2016 non abbiano potuto intervenire più persone. Non c'è infatti opportunità più coinvolgente e motivante che sentire dalla viva voce la testimonianza di chi vive in prima persona una delle realtà più difficili del Bangladesh: quella degli intoccabili fuoricasta Dalit. Soprattutto colpisce la storia e il percorso di Lino (il suo nome, Swapon in bengali significa sogno) e sentendolo raccontare mai nome sembra più appropriato.

Da appartenente alla casta più bassa degli intoccabili Dalit, già da ragazzo si era ribellato di fronte alle discriminazioni subite dai suoi pari specie nel settore educativo. Vista l'indifferenza delle autorità locali' alle sue richieste di avere una scuola, aveva rubato del bambù per costruirne una.

Grazie poi al contributo e ai consigli di un missionario saveriano italiano Padre Pierluigi Lupi, che considera il suo maestro, aveva potuto studiare prima in Bangladesh poi in Italia conseguendo il diploma di infermiere e di tecnico di laboratorio presso il COE Centro Orientamento Educativo di Barzio LC.

Tornato in patria ha deciso di fondare una ONG riuscendo a mettere in piedi dal 1998 n. 64 centri per l’educazione informale (prescuola e doposcuola) per più di 5000 bambini l’anno che frequentano la scuola primaria e secondaria. Ogni centro è dotato di servizio igienico per insegnare ai bambini buone pratiche

un Ospedale di riferimento a Chuknogor e centri di educazione igienico sanitaria in vari villaggi abitati dai Dalit con la costruzione di latrine.

Ma soprattutto si è dedicato alla lotta contro i matrimoni precoci, fenomeno diffuso fra le giovani ragazze incontrando non poche difficoltà. Il 66% delle ragazze viene data in sposa prima dei 18 anni malgrado la legge lo impedisca. É riuscito a formare numerose donne che lo stanno aiutando alcune delle quali hanno già aggiunto posizioni di responsabilità.

Attualmente la vice presidente dell’associazione Dalit è una giovane donna.

Lino è da additare come esempio per aver saputo anteporre l'interesse per il suo paese e la sua gente al suo personale. La formazione e i contatti in Italia gli avrebbero consentito infatti vantaggi personali più appetibili rispetto alla posizione attuale.

La Bottega della Solidarietà di Sondrio con tutti i sostenitori dal 2003 contribuisce con Euro 2500 ai progetti di Lino che con elegante riconoscenza ha ringraziato sperando nell’indispensabile continuità.

Data

30 GENNAIO 2018

...inoltre

  • abbiamo contribuito alla realizzazione di uno Showroom di artigianato a Dhaka in Bangladesh
  • invitiamo in Italia i produttori per occasioni di conoscenza e di formazione
  • abbiamo ideato "Un filo di juta", mostra di tappeti di juta intrecciati a mano in Bangladesh
  • abbiamo ideato "Un filo e mille colori", mostra di arazzi artistici ricamati a mano in Bangladesh
  • abbiamo ideato "FiLoDriTto", collezione di abiti da sposa confezionati con tessuti ricamati a mano in Bangladesh
  • gestiamo un servizio di coffee break e aperitivi con prodotti equi e solidali
  • svolgiamo attività educativa nelle scuole